Il Museo del Bambino e del Giocattolo

Santo Stefano Lodigiano, LO, Italia

Commenti

  • Paolo Franzini

    In realtà il Museo si chiama ” Museo del Giocattolo e del Bambino”
    e presenta una delle più importanti raccolte europee di Giocattoli d’epoca, frutto di oltre mezzo secolo di appassionata ricerca.
    Migliaia di pezzi, esposti a rotazione, seguendo percorsi
    cronologici e tematici.
    Tre secoli di Storia, dal 1700 agli anni ’70 del novecento, per proteggere e conservare la memoria dell’Infanzia.
    L’esposizione comprende anche numerosi reperti, documenti, testimonianze.
    I giocattoli rigorosamente originali e perfettamente funzionanti indagano ogni aspetto ludico: bambole e soldatini, modellini di ogni sorta, giochi da strada e da tavolo, libri e fumetti, fino ai primi videogames… materiali, dimensioni, intendimenti educativi sono i più diversi e suggestivi.
    Si tratta di esemplari, provenienti da tutta l’Europa e oltre, selezionati
    in base all’interesse storico e culturale, alla rarità, ma soprattutto al
    racconto che se ne può trarre.
    Storie di bambini, certo: come vivevano, crescevano, studiavano e
    lavoravano; la loro vita in famiglia e fuori dalla famiglia.
    Ma anche storie di adulti: Il giocattolo non è mai fine a sé stesso ma è
    testimone preciso e puntuale, spesso impietoso.
    Attraverso l’osservazione dell’oggetto emerge allora il percorso umano.
    Scienza e arte, artigianato e industria, pedagogia e filosofia convergono nel gioco e nei simbolismi di un linguaggio universale che non conosce barriere di razza, età, lingua, civiltà.